la Repubblica

PUBBLICATO IL 7 APRILE 2020 da REPUBBLICA

Contenuto Sponsorizzato

La tecnologia che combatte il Coronavirus

È frutto dell’unione tra le competenze di due aziende, la k.l.a.in. robotics e autognity ed è molto efficace per l’eliminazione degli agenti patogeni

Un’alleanza strategico-operativa che ha dato vita a un sistema volto al contenimento del rischio biologico: è quella tra K.L.A.IN. Robotics e Autognity, due aziende che, partendo dai principi di infettività, patogenicità e trasmissibilità, si sono poste l’obiettivo di contrastare i microorganismi dotati di particolare virulenza. Tutto ciò viene fatto attraverso dispositivi efficaci che possano neutralizzare gli agenti biologici, riducendone le modalità trasmissive. Si tratta di un lavoro che previene la contaminazione e al tempo stesso aumenta la sicurezza, tramite il controllo delle trasmissioni incrociate e mediante il trattamento delle superfici e dell’aria all’interno degli ambienti.


Le caratteristiche

In un momento storico in cui purtroppo la pandemia di Covid-19 è diventata la protagonista delle vite degli esseri umani in tutto il mondo, tecniche di sanificazione all’avanguardia possono risultare decisive per la prevenzione e il contenimento del virus. La risposta di K.L.A.IN e Autognity è nel sistema denominato PHS, che combina l’effetto dell’irraggiamento ultravioletto a quello della diffusione dell’ozono. PHS sta per Pro Health System: questa tecnologia utilizza raggi UV-C e ozono, generati da una lampada a scarica in vapore di mercurio a bassa pressione in grado di emettere radiazioni elettromagnetiche a corta lunghezza d’onda (UV-C), da 100 nm a 280 nm. Queste radiazioni possiedono un marcato effetto germicida: l’azione combinata dei raggi UV-C e dell’ozono, penetrando nelle pareti cellulari di batteri, virus e spore batteriche, danneggia il loro apparato riproduttivo, impedendone la proliferazione.

L’ozono è infatti un forte agente ossidante in grado di disinfettare aria e acqua, ma anche di sterilizzare completamente ambienti e superfici da muffe e batteri presenti. La luce UV fornisce invece una rapida ed efficace inattivazione dei microrganismi, inibendone le capacità di proliferazione e infezione. Si tratta inoltre di un sistema che non impatta sull’ambiente, perché non prevede l’utilizzo di sostanze chimiche. Questa nuova tecnologia lavora completamente in autonomia e riduce le infezioni contratte in presidi ospedalieri sino al 34,2% attraverso cicli di disinfezione dai cinque ai 20 minuti. E senza trascurare la sicurezza: grazie a sensori infrarossi, videocamere e un sistema di people recognition, tutto si arresta automaticamente in presenza di persone prossime all’area in fase di trattamento. La gestione del sistema PHS si avvale anche di un interfaccia semplice e intuitiva mediante tablet e app, che consentono il monitoraggio da parte di un operatore abilitato.


Dove si applicano

Anche la American Society of Heating, Refrigerating and Air-Conditioning Engineers (ASHRAE) raccomanda l’irradiazione germicida ultravioletta come strategia per affrontare la trasmissione del Covid-19. Per questo l’applicazione del sistema si presta a molteplici tipologie di ambienti: esso infatti può essere utilizzato all’interno di strutture ospedaliere, per evitare la trasmissione di pericolosi batteri o virus, nonché nelle industrie alimentari e farmaceutiche, per disinfettare le zone di produzione e confezionamento di prodotti. È una soluzione ideale anche per le mense, le aree ludiche, imprese di pulizie, istituti scolastici, metropolitane, aeroporti, vagoni ferroviari e ambulanze. Insomma, tutti quegli ambienti densamente popolati, dove il virus circola maggiormente.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.phs-uv.com

Con il Pro Health System la sanificazione è a raggi UV
Uv e ozono  –  il phs-m è caratterizzato da una guida autonoma, che consente di sanificare ogni spazio
Il PHS-M è la più recente tecnologia di sanificazione degli ambienti a raggi UV-C a onda costante, progettata appositamente per tutte le aree ospedaliere e ambienti sanitari. Incorpora caratteristiche di design uniche massimizzando l’irraggiamento dell’energia dei raggi UV-C e sfruttando l’azione combinata dell’ozono. La piattaforma robotica è caratterizzata da un sistema di guida autonomo, che rende il sistema perfetto per la disinfezione di ogni spazio operativo.  

LE CARATTERISTICHE TECNICHE

Il PHS-M ha un’altezza di 1.650 millimetri e una larghezza di 580 millimetri, mentre la lunghezza è di 890 millimetri; il suo peso totale è di 175 chilogrammi. Per quanto riguarda la batteria, la durata media è di otto ore (di lavoro continuativo); i tempi di ricarica si attestano invece in circa tre ore. Le dimensioni del bulbo tubolare sono di 15 millimetri di diametro e 843 di lunghezza, con una potenza di 41 W ciascuno.

LE ALTERNATIVE

Oltre al PHS-M, la collaborazione tra le due aziende K.L.A.IN. Robotics e Autognity ha portato alla progettazione e alla realizzazione di altri due robot moderni e all’avanguardia, che sfruttano la stessa tecnologia: il PHS-S e il PHS-P.  Il primo si fonda sulla mappatura ambientale per fornire una dose germicida rapida ed efficace di energia UV-C a onda continua uccidendo germi e agenti patogeni quando e dove è richiesto. È intelligente e molto più efficiente rispetto ai metodi tradizionali di pulizia. Il secondo invece è il più piccolo e potente sistema di disinfezione a raggi UV-C per ambienti presente in commercio. Per le sue dimensioni è ideale per la sanificazione di spazi ristretti quali ambulanze e teatri operativi critici, che necessitano specialmente di bonifica preliminare antecedente l’ingresso di operatori specializzati nell’area di intervento.

Una soluzione all’avanguardia

Sono essenzialmente tre le tecnologie usate nel Pro Health System, a partire dal MiR, un robot mobile sicuro ed economico che automatizza rapidamente il trasporto e la logistica interna. Il robot ottimizza i flussi di lavoro, limitando la presenza di personale e aumentando la produttività, riducendo inoltre i costi di gestione. Il robot si muove in sicurezza tra persone evitando ostacoli, attraverso porte e ascensori, con l’ausilio di sensori e telecamere integrati. Grazie a uno smartphone, un tablet o un computer connesso alla rete è possibile rendere ancora più efficiente questo accessorio. L’altro strumento è la batteria agli ioni di litio, che funge da accumulatore eco-compatibile a ridotta manutenzione, vantaggio che la maggior parte di altri dispositivi non può rivendicare. È inoltre leggera e compatta, con un’alta densità di energia utilizzata per una grande varietà di prodotti. Ci sono infine le lampade UV-C a ozono, con le quali è assicurata una rapida sterilizzazione di aria e acqua. Circa il 40% dell’elettricità viene convertita direttamente in radiazione UV-C con emissione monocromatica a 254 nm per applicazioni germicide. L’ozono risulta essere uno degli agenti disinfettanti con la massima azione ossidante disponibile: reagisce a una moltitudine di composti organici ed è in grado di disinfettare sia l’aria che l’acqua.

 

Fonte: 

https://roma.repubblica.it/dossier-adv/eccellenze-lazio/2020/04/07/news/la_tecnologia_che_combatte_il_coronavirus-253353418/